04 – L’AUTUNNO IN ESTONIA SECONDO DREW.

Link

L’AUTUNNO IN ESTONIA SECONDO DREW.

Qualcuno ha detto che questo video è privo di emozioni, sono solo fotogrammi ripresi a casaccio con la pretesa di essere artistici e intellettuali, che mirano solo al riconoscimento altrui e al sentirsi dire “bravo!”.

Questo video è stato fatto dal mio amico Drewbie (http://risenebenezer.wordpress.com)

Ci ha messo un mese a fare i filmati. Per un mese intero ha lavorato su quei fotogrammi e sulla musica.

Due giorni fa ci ha lavorato fino alle 4,30a.m.: si sentiva ispirato.

E poi ti arriva qualcuno che nemmeno conosci, che ti fa un predicozzo incredibile pieno di critiche -non costruttive-

Piss off! Lui ovviamente ha risposto con sagacia, sincerità e una retorica incredibile!

Fantastico.

Questo post è dedicato a lui, mi ha fatto sentire ancora di più l’emozione che sto vivendo qui e non riesco a smettere di guardare il suo video.

Non vedo l’ora che arrivi quello sull’inverno e spero di avere l’onore di poterne fare ancora parte 🙂 

Annunci

03 – RAATUSE 22 – 413

Standard

* post iniziato a scrivere il 7.10, davanti alla famosa tazza di tè. Poi ha chiamato la nonna, il pc si è spento e per qualche recondito motivo ha deciso di installarsi gli aggiornamenti da solo -era da più di una settimana che mi scordavo- e tutto il mio bel post se ne è volato via in qualche cyberplace. Il che per me, sarebbe stato abbastanza per abbandonare nuovamente l’idea di un blog, ma non demordo e cerco di ricostruire il mio post. Direi che tanta determinazione merita un compenso per cui, caffè e cicca e poi comincio a scrivere. 

Questo è il mio nuovo indirizzo, home sweet home per i prossimi 6 o forse 10 mesi. Questa è una delle molteplici residenze universitarie qui in Tartu. Quella dove di solito si stabiliscono gli Erasmus.

Vivo al 4° piano, lato destro -il migliore, il cuore pulsante della struttura- il nostro appartamento si trova in posizione centrale: di fronte alla smoking room. Si insomma, mi sento una privilegiata. Un sacco di gente cerca di trasferirsi qui dagli altri piani – eheheh.

Il mio appartamento è uno dei meglio composti, umanamente parlando. C’è un bel melting pot: io, fantastica rappresentante dell’italianità (anche se stamattina una sconosciuta mi ha chiesto se fossi canadese), Laura la mia splendida roomie tedesca (tutte le mie paure al riguardo erano infondate), Marta dolcissima spagnola (è da tre giorni a Vilnius con la sua famiglia e mi sta mancando un sacco), Karla tipicissima americana (solo ora sto iniziando a capire quando parla nel suo americano becero e sbracato. Ogni volta che deve descrivere il sapore di un cibo dice yummy. Disarmante) Eccole, le mie flatmates. Ah no, poi ce n’è un’altra, Katja russa. Caratteristiche non pervenute. Vive nella sua camera, ogni giovedi torna a Pskov e ritorna a Tartu il lunedi pomeriggio.

Il Raatuse è a 5 minuti da tutte le principali attrazioni di Tartu: discoteche, pub, musei, bar, biblioteche, fastfood, supermercati, piscine, fabbriche di birra. Ah sì, a due minuti a piedi dall’università anche.

Ovviamente Tartu è una città piccolina: 40 km2 scarsi per 84 000 abitanti o poco più. Sconosciuta ai più, Tartu è la capitale intellettuale dell’Estonia, meno famosa di Tallinn ma secondo me, migliore 🙂

  • CITTA’ STUDENTESCA: il 10% dei suoi abitanti sono studenti. Il centro è vivo, vivace, ad ogni ora di ogni giorno puoi trovare un bar, una discoteca, una paninoteca che sia aperta. Ad ogni ora del giorno e della notte c’è qualcuno in giro, qualcuno che cammina sull’arco del ponte, qualcuno che si fa il bagno dentro alla fontana…
  • COSTO DELLA VITA: per uno studente è molto importante contare ogni singolo centesimo speso. Ecco, a Tallinn se ne vanno circa il doppio dei soldi che a Tartu. Una A Le Coq a Tartu costa 1.80. A Tallinn 3 euro. Infatti nel primo weekend che sono stata a Tallinn tutto era molto cheap perchè ero abituata agli standard italiani. Ora che sono abituata agli standard tartuensi Tallinn è costosissssima.
  • VICINANZA ALLA RUSSIA: in due ore da Tartu sei in Russia. Da Tallinn sono circa 4 ore. A proposito, dal 7 all’11 Novembre io sono a San Pietroburgo, in un viaggio auto – organizzato, non vogliamo mica andare via con quel mega gruppone dell’università, ma stiamo scherzando?? Tanto noi il Russo lo parliamo alla perfezione. (prrr)

Per tirare le somme: sto bene, benissimo. Mi piace la vita che faccio qui. So far, mi piacciono le persone che ho conosciuto (vabbè, apparte qualche eccezione).

E gira voce che Lei, la Neve, arriverà in tre settimane. Non vedo l’ora. 

 

02 – devo, voglio, posso recuperare

Standard

è da più di un mese che sono a Tartu, e non sono ancora riuscita a scrivere un post. Mi dispiace, perchè all’inizio sono partita con tanta di quella convinzione, yes we can, ma poi, come al solito me ne è mancata la voglia – e anche il tempo.
Da una parte penso sia positivo: vivo alla giornata, e poi non penso più a quello che ho fatto il giorno prima, ce n’è un altro probabilmente più eccitante che sta per cominciare!
E poi penso che dovrei dargli una sistematina a questo blog, che il layout fa proprio schifo.

Però vabbè, naïf c’est chic. Che poi non saprei nemmeno da dove inziare.

Ieri, parlando con un mio amico blogger made in U.S. tale Drew, sui miei dubbi in cui non sapevo come iniziare perché qualsiasi cosa mi sembrava stupida, mi ha detto: smettila di pensarci, fallo e basta. E cosi lo faccio.

Domenica mattina, rimasugli di hangover, qualche ammaccatura che non so come me la sono fatta e una tazza di tè, inizio.