SABATO SERA DA SFIGATI

Standard

Penso che una bullet list si addica meglio alla lunga serie di sfortunati eventi che si sono susseguiti ieri sera.

O, voi che leggete: accomodatevi, ridete di me e io riderò con voi.

  • h. 21.30 BLIND DATE con un tipo, ufficiale militare. Super cool a parole, mi sentivo veramente ispirata. Per fortuna che il mio cervello ha proposto di andare al cinema, giusto così, per garanzia: al cinema non è necessario guardare qualcuno negli occhi né intrattenere una conversazione.
  • h 21.31 REPULSIONE… Vorrei scappare via a gambe levate. Fare finta di non essere me, di essere straniera e di non capire la lingua. Peccato che queste cose lui le sappia già e che abbia già comprato i biglietti. Tiro fuori i soldi dal portafoglio per il mio biglietto. “no, no, you pay for my drink later” “no, no I pay for my ticket now”
  • h. 21:45 FINALMENTE AL BUIO. Il film faceva schifo, il peggiore che io abbia mai visto negli ultimi 5 anni, sia al cinema che no. Le dramacommedie russe che guardo al mattino in tv sono 10 volte meglio di American Heist. E a me Adrien Brody piace.
  • 2 ore di PANICO e NOIA in cui scrivevo alla mia amica Liga di voler scappare dal cinema perché, se già il film pessimo non fosse abbastanza, il tipo cercava di fare il simpaticone con me e rideva delle sue stesse battute. Anche io ridevo, per non piangere e perché per fortuna avevo un bicchiere di Lambrusco.
  • h. 23:35 LUCI IN SALA cerco di evitare il contatto visivo col tipo il più possibile. Gli dico che me ne devo andare velocemente, la mia amica mi aspetta. “I’ll come with you” “NO. THANKS.” “Where are you going?” “I don’t know. Bye”
  • h. 00 Al Pulkvedis un Messicano esordisce con un “hola guapa” e mi fa un baciamano di altri tempi. Lo fulmino con lo sguardo. Lui scappa.
  • h. 01:25 Scivolo sul ghiaccio e cado sulla chiappa destra. Secondo i miei calcoli un ematoma di circa 10 cm dovrebbe comparire sulla superficie del gluteus maximus domani sera.
  • h. 01,30 IRISH PUB un gruppo di 5 finlandesi over 60 visibilmente annoiati vuole assolutamente noi, per un po’ di compagnia e qualche drink. Rifiutiamo con gentilezza. Poi con fermezza. Poi chiediamo una mano a due ragazzi seduti vicino a noi: non è mica che potete dire qualcosa a questi maniaci??? “No. You can sort your problems by yourself” “Assholes. Nahui”
  • h.2,45 OK LIGA, CHIAMIAMO IL TAXI. E andiamo a casa prima che un meteorite cada sulle nostre teste. Nel frattempo, andiamo all’Hesburger. Alle 3,30 scopriamo che la tassista si è persa perché è il suo primo giorno di lavoro. Dobbiamo raggiungerla e camminare per circa 400m.
  • h. 3,45 VEDIAMO LA TASSISTA. Due ragazzi all’angolo si sbracciano per chiederci indicazioni per un posto che si trova sulla strada verso casa. Nonostante la serata dimmmerda mi sento di buon cuore ed offro un taxi sharing a questi due, un Canadese ed un Texano in viaggio. La tassista si perde di nuovo. I tipi ci invitano ad andare con loro. Why not. Però il bar che hanno scelto loro fa schifo sul serio. Meglio tornare nella Old Town ed andare all’Ala Bars.
  • dalle 4 alle 6 qualcosa sembra essersi aggiustato nell’universo mio e di Liga, passiamo un paio d’ore a chiacchierare animatamente con questi tipi, una conversazione stimolante in cui abbiamo apprezzato anche quanto l’Americano bullizzasse il Canadese. Hanno provato a provarci, ma non ci sono riusciti. AH. AH. AH. (per fortuna).
  • Alle 6 un tipo lettone inizia a deprecare me e Liga dicendo che siamo delle povere disgraziate che vendono il loro corpo a degli stranieri in cambio di un paio di birre, sperando che poi loro ci sposeranno e ci porteranno nei loro Paesi d’origine e sia io che lei invece dovremmo rimanere in Lettonia a produrre figliolanza lettone purosangue.

Questi sono i fatti, assolutamente non romanzati. Aspetto commenti, scatenate l’inferno! 🙂

Annunci

19 – Funny Fox

Standard

La vita da expat comprende, in quantità a volte vergognosamente alte, una certa dose di divertimento. All’inizio, c’è la fase tour de force. Dopo aver bevuto a casa, bisogna girare almeno 4 o 5 locali a sera, per tornare a casa ubriachi marci e senza dignità felici.

Dopo un certo periodo, ci si affeziona ai posti, non si hanno più le forze di vivere il weekend in hangover perenne e ci si da una regolata.

Si diventa più selettivi nella scelta del posto e ci si ubriaca il giusto, sentendosi di casa nei locali che si bazzicano.

Fino a qui penserete: beh, ma è normale, questo succede anche in Italia. Eh no, qui inizia la differenza.
.
In Italia (o in Paesi in media più amichevoli) il barista di turno, dopo un po’ inizia a riconoscere la tua faccia. Magari butta lì pure un “Ciao, anche oggi sei qui? Il solito?”

In Lettonia NON E’ COSI’.
Penso di aver contribuito all’attività dei locali (e al tasso di alcolismo della popolazione…) in maniera considerevole, da sette mesi a questa parte.

Le bariste del mio locale preferito sono sempre le stesse e solo adesso cominciano a salutarmi, senza limitarsi a guardarmi con aria interrogativa per farmi intendere che è il mio turno per ordinare. Ovviamente, non hanno la più pallida idea di quale sia il mio nome, né mai pronunceranno le tre parole: il solito, vero? – nonostante le birre che offrano siano solo 4 e io sia una creatura straordinariamente abitudinaria, quando si tratta di alcohol.

Comunque, li mi sento a casa. Così a casa che certe volte potrei sedermi sul water direttamente, invece che farla in bilico. il FUNNY FOX è la mia garanzia di serata andata a buon fine.

Un locale che è un assolutamente niente di ché. Alright. Average.
Ho un appuntamento quasi quotidiano con i turisti ubriachi che vengono dai Paesi più disparati e cantano al karaoke (lo facciamo anche io e il mio amico N., ma questo è un altro discorso…)
Alle 23 in punto, dopo le iniziali titubanze di rito, c’è sempre una coda incredibile per cantare una canzone, che nemmeno nella Salerno-Reggio Calabria. Non importa che tu sia Whitney Houston o Gemma del Sud, nessuno ti tirerà mai i pomodori addosso, nessuno mai si permetterà di giudicarti.

Tutti saranno sempre felici e ubriachi. E ti sentirai una rockstar. E conoscerai gente nuova che si complimenterà con te, nonostante tutto. E cuccherai un sacco in questa maniera.

Ed è per questo che la Volpe Divertente mi piace tanto.