SABATO SERA DA SFIGATI

Standard

Penso che una bullet list si addica meglio alla lunga serie di sfortunati eventi che si sono susseguiti ieri sera.

O, voi che leggete: accomodatevi, ridete di me e io riderò con voi.

  • h. 21.30 BLIND DATE con un tipo, ufficiale militare. Super cool a parole, mi sentivo veramente ispirata. Per fortuna che il mio cervello ha proposto di andare al cinema, giusto così, per garanzia: al cinema non è necessario guardare qualcuno negli occhi né intrattenere una conversazione.
  • h 21.31 REPULSIONE… Vorrei scappare via a gambe levate. Fare finta di non essere me, di essere straniera e di non capire la lingua. Peccato che queste cose lui le sappia già e che abbia già comprato i biglietti. Tiro fuori i soldi dal portafoglio per il mio biglietto. “no, no, you pay for my drink later” “no, no I pay for my ticket now”
  • h. 21:45 FINALMENTE AL BUIO. Il film faceva schifo, il peggiore che io abbia mai visto negli ultimi 5 anni, sia al cinema che no. Le dramacommedie russe che guardo al mattino in tv sono 10 volte meglio di American Heist. E a me Adrien Brody piace.
  • 2 ore di PANICO e NOIA in cui scrivevo alla mia amica Liga di voler scappare dal cinema perché, se già il film pessimo non fosse abbastanza, il tipo cercava di fare il simpaticone con me e rideva delle sue stesse battute. Anche io ridevo, per non piangere e perché per fortuna avevo un bicchiere di Lambrusco.
  • h. 23:35 LUCI IN SALA cerco di evitare il contatto visivo col tipo il più possibile. Gli dico che me ne devo andare velocemente, la mia amica mi aspetta. “I’ll come with you” “NO. THANKS.” “Where are you going?” “I don’t know. Bye”
  • h. 00 Al Pulkvedis un Messicano esordisce con un “hola guapa” e mi fa un baciamano di altri tempi. Lo fulmino con lo sguardo. Lui scappa.
  • h. 01:25 Scivolo sul ghiaccio e cado sulla chiappa destra. Secondo i miei calcoli un ematoma di circa 10 cm dovrebbe comparire sulla superficie del gluteus maximus domani sera.
  • h. 01,30 IRISH PUB un gruppo di 5 finlandesi over 60 visibilmente annoiati vuole assolutamente noi, per un po’ di compagnia e qualche drink. Rifiutiamo con gentilezza. Poi con fermezza. Poi chiediamo una mano a due ragazzi seduti vicino a noi: non è mica che potete dire qualcosa a questi maniaci??? “No. You can sort your problems by yourself” “Assholes. Nahui”
  • h.2,45 OK LIGA, CHIAMIAMO IL TAXI. E andiamo a casa prima che un meteorite cada sulle nostre teste. Nel frattempo, andiamo all’Hesburger. Alle 3,30 scopriamo che la tassista si è persa perché è il suo primo giorno di lavoro. Dobbiamo raggiungerla e camminare per circa 400m.
  • h. 3,45 VEDIAMO LA TASSISTA. Due ragazzi all’angolo si sbracciano per chiederci indicazioni per un posto che si trova sulla strada verso casa. Nonostante la serata dimmmerda mi sento di buon cuore ed offro un taxi sharing a questi due, un Canadese ed un Texano in viaggio. La tassista si perde di nuovo. I tipi ci invitano ad andare con loro. Why not. Però il bar che hanno scelto loro fa schifo sul serio. Meglio tornare nella Old Town ed andare all’Ala Bars.
  • dalle 4 alle 6 qualcosa sembra essersi aggiustato nell’universo mio e di Liga, passiamo un paio d’ore a chiacchierare animatamente con questi tipi, una conversazione stimolante in cui abbiamo apprezzato anche quanto l’Americano bullizzasse il Canadese. Hanno provato a provarci, ma non ci sono riusciti. AH. AH. AH. (per fortuna).
  • Alle 6 un tipo lettone inizia a deprecare me e Liga dicendo che siamo delle povere disgraziate che vendono il loro corpo a degli stranieri in cambio di un paio di birre, sperando che poi loro ci sposeranno e ci porteranno nei loro Paesi d’origine e sia io che lei invece dovremmo rimanere in Lettonia a produrre figliolanza lettone purosangue.

Questi sono i fatti, assolutamente non romanzati. Aspetto commenti, scatenate l’inferno! 🙂

20 – Helsinki: comincio dalla fine.

Standard

Essendo una persona alquanto scostante e discordante, non mi voglio smentire.

Esattamente in questo momento sono in un pullman notturno che mi riaccompagnerà a Riga. Sono salita qui alle 22:30, non scenderò prima delle 02:50.

Un weekend di fuga ad Helsinki, così vicina e così lontana dai Baltici. Un weekend di fuga verso una città che l’italiano medio saprebbe dove collocare sulla mappa.
Tre giorni sono pochi, troppo pochi per vedere, formarsi un’opinione, apprezzare o disprezzare una città.

Mi limiterò dunque a fare un elenco di impressioni del tutto spontanee, di fatti accaduti (dei quali forse mi dovrei dimenticare) senza utilizzare l’opzione filtro “cervello-tastiera” alla quale, in certi casi, ricorro.

1. 2 birre e 2 shot di Jäghermeister = 27.70€ (dopo aver pagato 18€ di ingresso, onore per il quale abbiamo fatto mezz’ora di coda AL FREDDO)

2. birra al supermercato in lattina: 3,69 (per la birra in sè) + 0,15 (per la lattina)

3. segregazione livello 15 000. Magari gli immigrati non sono poi moltissimi. ma nemmeno i Finlandesi sono moltissimi. Ecco, ogni gruppo sta per i fatti loro.

4. La città è sporca, sporchissima. lurida. piena di gabbiani che rovistano fra gli scarti del McDonald.

5. ad occhio e croce direi 15. il numero di bottiglie di alcool che ogni persona trasportava sulla tratta Tallinn – Helsinki. Lo stesso numero é valido per i pacchetti di sigarette.

6. Stranamente, i prezzi per lo shopping sono gli stessi. Ma la scelta é moooolto più vasta! Ho scoperto Carlings e lo adoro.

7. La gente sorride! Sembra felice o, perlomeno, spensierata! In Latvia NO, se sorridi sei uno un po’ scemo. Devi sempre avere un’aria un po’ sofferta, se vuoi sembrare una persona sufficientemente credibile.

8. Helsinki ha la metropolitana! Io sono una un po’ metro-fetish e non mi aspettavo proprio che Helsinki l’avesse. Me lo sto ancora chiedendo… probabilmente non ne aveva/ha realmente bisogno.

9. Finalmente ho visto dell’amore esprimersi in pubblico! In Estonia ed in Lettonia, è rarissimo vedere coppie sbaciucchianti (in Italia forse ce ne sono un po’ troppe…). in Lettonia puoi capire se un uomo e una donna sono una coppia se lui porta la borsa di lei, per esempio. Ad Helsinki ho visto degli sbaciucchiamenti in pubblico: lui&lei, lei&lei, lui&lui. evviva l’amour!

10. Kiitos é la mia nuova parola preferita! Senza contare che, la parola che si usa quando una persona per sbaglio ne urta un’altra é letteralmente traducibile con “scusa per la mia mancata attenzione” 🙂

Comunque, sono contenta di tornare nella mia anonima Lettonia.

Ringraziamenti sparsi alle compagnie di pullman baltici che equipaggiano i loro mezzi non solo con sedili confortevoli, lucine per leggere, aria condizionata regolabile e uno spazio decente per poter allungare le gambe, ma anche con un wifi perfettamente funzionante, prese per ricaricare il cellulare, schermi per guardare film (con tipo 300 titoli da cui poter scegliere) e macchinette per the, caffè, qualsiasicosapossausciredaunamacchinetta, AGGRATISSE.

Peace and kiitos.